OD BLOG

Home Blog >I perché della formazione

01 Settembre 2021

I perché della formazione

Mi avete chiesto un corso a più riprese e ogni volta la mia risposta è stata un cordiale declino dell’invito. Vi spiego perché.


“Chi non si forma si ferma”.


Così recita un adagio tanto caro a trainer e formatori di varia natura ed esperienza. Ma è poi così vero?


Mi spiego meglio: sei davvero sicuro della necessità di formarti in un aspetto del tuo business del quale tu non possiedi nemmeno lontanamente le basi?


Ti faccio un esempio: immagina che durante una nostra discussione io esordissi così: “Sai, ho deciso di iscrivermi al corso di endodonzia che si terrà questo weekend a Parma. D’altronde il mio business riguarda il settore odontoiatrico quindi devo conoscere le principali tecniche d’intervento”.
Come reagiresti a questo mio proclamo?


Ecco, questa reazione è la medesima che vivo io ogni volta che vedo corsi e full immersion di 48 ore in tematiche che riguardano il tema del management (applicato all’odontoiatria).


Già, perché contrariamente a quello che ti raccontano i miei amati mOI (manager Odontoiatrico Improvvisato) il management, la micro e macroeconomia e il marketing sono materie che non sono state definite esclusivamente per gli studi dentistici.


Certo, vedo anch’io fantasiosi nomignoli in stile “dentalkerting” “odontanager” o “dentaliness” ma sono tutti allegri specchietti per le allodole.


La verità è che la materia che applico quotidianamente dai miei clienti prevede anni di studio, master e costanti corsi di aggiornamento.


Ecco perché estrapolarne (male!) una manciata di concetti di queste materie per poi ripeterli, copiati e incollati, a una slide non solo è inutile, ma addirittura pericoloso perché si finisce per confondere le idee all’imprenditore di turno – oltre che ad alleggerirgli le tasche. È un po’ come sperare di farmi trovare l’apice di un nervo spiegandomi come funzionano le sonde endodontiche.


Anche il corso più esaustivo (che, di certo, non durerebbe una manciata di mezze giornate) non riuscirebbe a donarmi quelle competenze che voi odontoiatri avete acquisito in corsi magistrali e anni di esperienza.


Per questo, ogni volta che mi viene posta la domanda: “E tu quando farai un corso di management odontoiatrico?” La mia risposta è sempre: “Mai”. Pur amando moltissimo l’aula (tant’è che ogni volta che i miei amici della Bensai essential marketing mi ospitano per una comparsata formativa, accetto il loro invito con entusiasmo) ma non vado mai oltre la semplice comparsata di un paio di ore.


E lo scopo dei miei interventi è sempre il medesimo: farti realizzare che del mio mestiere non ne saprai mai quanto me; perciò, tanto vale rivolgerti al professionista piuttosto che intraprendere la (finta) scorciatoia del “ti insegno tutto io e poi fai da solo che ci risparmi dei gran soldi”.


Ecco le patacche le lascio volentieri ai miei (pseudo)colleghi mOI, io continuo a fare il mio lavoro.


Ci vediamo in studio.


Ora, come sempre, passo a te la palla e ti chiedo: cosa ne pensi di questo articolo? Unisciti alla discussione.


Puoi scrivermi qui sotto, oppure chiamarmi per arrabbiarti con me, oppure incontrarmi per scoprire come posso renderti un medico ancora migliore. Io sono pronto a tutto.

© Odontoiatria Dinamica