OD BLOG

Home Blog >Il valore dei numeri

20 Ottobre 2021

Il valore dei numeri

Ne è passato di tempo dai tuoi esami di analisi, eppure i numeri continuano a essere i tuoi migliori (destabili) amici.

O sei una mente matematica o non lo sei; non c’è niente da fare. C’è chi di numeri vivrebbe da mattina a sera e chi sbianca al solo nominarli.


Eppure, mai come in questo momento, i numeri sono il tuo migliore alleato.


Oggi che siamo – oramai definitivamente – entrati nel periodo dell’imprenditoria sanitaria, essere buoni medici non è più sufficiente.


E aggiungo: non solo devi conoscere i numeri, li devi conoscere bene e ne devi conoscere tanti. In effetti, più che di numeri, dovrei parlare di dati; quelli sì sono la vera variabile del tuo business: più ne maneggi con destrezza più facile per te sarà scoprire la strada per il successo.


Sono moltissimi i dati che il tuo business pretende che tu abbia costantemente sotto controllo. Se pensi che numero prime visite, ticket medio di vendita e fatturato siano sufficienti sei decisamente fuori strada.


Stesso discorso vale per la gestione del magazzino, dei fornitori e dei tuoi referenti bancari (eventuali mutui accesi o prestiti di varia natura).
Tutto deve essere monitorato e pianificato fin nel minimo dettaglio.


Ecco perché, se proprio non hai un buon CRM in studio, devi assolutamente avvalerti di un set di file che ti aiutino in questo monitoraggio. Sia chiaro, io non amo i file e non ritengo un valore qualificante inviare ai miei clienti un pacco di Excel (per quello il mondo è pieno di mOI).


Io preferisco la scuola di “ofelè fa el so mestè” (*)


Ecco perché la gestione del riunito passa, in prima istanza, dalle mie analisi e, solo dopo un adeguato periodo di formazione, dalle tue di analisi. Ecco in che modo i numeri devono diventare tuoi migliori amici: in primis per capirmi, in secundis per replicare – almeno parte – del mio lavoro.


Tutto il resto: formule magiche, algoritmi di propria ideazione, illuminazioni racchiuse in un Excel lo lascio al prossimo mOI di turno (che sono certo non tarderà a bussare alla porta del tuo studio).


Ora, come sempre, passo a te la palla e ti chiedo: cosa ne pensi di questo articolo? Unisciti alla discussione.


Puoi scrivermi qui sotto, oppure chiamarmi per arrabbiarti con me, oppure incontrarmi per scoprire come posso renderti un medico ancora migliore. Io sono pronto a tutto.


(*) Antico proverbio milanese. Trad. Ogni pasticciere fa il suo mestiere
 

© Odontoiatria Dinamica